Coronavirus: Florovivaisti Italiani, l’Ue rafforzi misure per salvare il settore

28 Apr 2020 | Associati danni florovivaismo Florovivaisti Normativa Europea

Bene pressing europarlamentari su Commissione. Serve più chiarezza e fondi ad hoc

Roma, 28 apr  –  La Commissione europea riveda e rafforzi il pacchetto di misure straordinarie a sostegno dei comparti in crisi per l’emergenza Coronavirus. Per il florovivaismo, tra i più colpiti, sono inadeguate e non rispondono alle richieste avanzate dal settore. Interviene così l’Associazione Florovivaisti Italiani nelle ore più decisive per le scelte di Bruxelles e a sostegno della lettera degli europarlamentari alla Commissione, perché intervenga seriamente in aiuto del florovivaismo europeo.

Come sottolinea Florovivaisti Italiani, infatti, la proposta della Commissione non prevede ristoro dei danni già subiti e predispone misure di gestione del mercato, totalmente inappropriate per il settore floricolo che non ha forme di aggregazione quali le OP (organizzazioni di produttori) e le AOP (associazioni di organizzazioni di produttori) tramite cui sarebbero applicabili.

Inoltre, aggiunge l’Associazione, non sono chiare, per esempio, le modalità di attuazione dei provvedimenti relativi ai ritiri del prodotto o alla promozione congiunta. La Commissione, a riguardo, non esplicita dove sono le risorse.

Per Florovivaisti Italiani che insieme al gruppo di crisi nazionale del comparto, composto anche dai mercati floricoli e dai distretti, aveva già fatto appello alla ministra Bellanova, perché sollecitasse un intervento mirato dell’Europa, la proposta della Commissione non è, dunque, accettabile.

“Alla luce delle richieste avanzate, le misure proposte a Bruxelles, sono totalmente fuori tiro -ha commentato Aldo Alberto, presidente nazionale dell’Associazione Florovivaisti Italiani- e non hanno rispettato le istanze di tutto il settore che chiede da tempo interventi significativi a sostegno di chi in questi mesi ha perso il lavoro e gli investimenti di un anno”.

“Inoltre -aggiunge Aldo Alberto- lo ricorda anche la lettera degli europarlamentari: il mercato floricolo Ue non solo è in sofferenza, ma è anche fatto di strette interdipendenze per quanto riguarda la manodopera nei campi e l’attività di grossisti e negozi specializzati (fioristi e garden center) che in tutta Europa distribuiscono e vendono prodotti ornamentali, garantendo la sopravvivenza dell’intera filiera. Il consumo di pianti e fiori in Europa, è per l’85% nel mercato interno dell’unione. Dunque -precisa Aldo Alberto- serve un sostegno finanziario importante da parte dell’Ue che vada al di là dei singoli interventi da parte degli Stati membri.

“Infine -conclude il presidente di Florovivaisti Italiani, Aldo Alberto- la Commissione europea è in grado di fare presto. Potrebbe attivare gli strumenti già disponibili come le misure di crisi del regolamento OCM (art. 221). E’ ciò che il gruppo di crisi nazionale del settore, ha già chiesto alla Ministra Bellanova”.

 

Leggi la lettera degli Europarlamentari alla Commissione UE Joint letter MEPs to EC support flowers and live plants sector 4 2020

Leggi la lettera di RICHIESTA MISURE URGENTI COMPARTO FLOROVIVAISTICO NAZIONALE

Condividi

associazione coronavirus danni florovivaismo florovivaismo iononmiarrendo

Copyright © 2019 Associazione Florovivaisti Italiani, All Rights Reserved. cf: 96412290585 - Made with ❤︎ by iBlend